top of page
  • kinsectsrl

Allevare Black Soldier Fly: Una Soluzione Eco-Compatibile per il Riciclo dei Rifiuti Organici


Il Black Soldier Fly (BSF), conosciuto scientificamente come Hermetia illucens, rappresenta attualmente uno degli insetti da allevamento con il più alto potenziale. Le larve di questa specie hanno la capacità di consumare praticamente ogni tipo di rifiuto organico: letame, compost, foglie morte e soprattutto gli scarti alimentari. Queste creature voraci ingeriscono il doppio del loro peso corporeo in cibo ogni giorno, contribuendo al riciclo degli scarti e, nel processo, possono eliminare alcuni patogeni microbici e contaminanti chimici presenti nel cibo, rendendo il substrato residuo più sicuro per lo smaltimento.





Le larve di BSF competono con altre mosche, come le comuni mosche domestiche portatrici di malattie. A differenza di queste ultime, gli adulti inoffensivi di BSF, per lo più non alimentanti, non sono particolarmente attratti dal cibo umano e non trasmettono malattie. Dal solo punto di vista della gestione dei rifiuti, il BSF si rivela estremamente utile; inoltre, è commestibile. Le larve o la fase di prepupa possono essere utilizzate come alimento diretto per uccelli o pesci oppure trasformate in farina di BSF o olio di BSF.


Il BSF è utilizzato principalmente come mangime per animali, offrendo alternative sostenibili a ingredienti critici come la farina di soia e il pastone di pesce. Tuttavia, questi insetti possono essere consumati direttamente dall'uomo o trasformati in prodotti alimentari, tra cui un sostituto del latticino che può essere impiegato per la produzione di burro e gelato a base di insetti.

Per avviare un allevamento di BSF, è possibile adottare un metodo semplice basato sull'infestazione spontanea dei rifiuti da parte delle mosche e la successiva estrazione delle larve. Questo sistema è già utilizzato da allevatori di pesce e pollame in alcune zone, dove i rifiuti della produzione di carne vengono impiegati per produrre larve destinate a essere reintrodotte come mangime.

Tuttavia, esistono tecnologie più controllate per ottenere BSF da rifiuti, massimizzando la rimozione dei rifiuti e la produzione di biomassa di mosche. È possibile trovare informazioni dettagliate in diverse lingue online.

In un allevamento di BSF, le mosche adulte depongono le uova vicino alle fonti di rifiuti, e le larve crescono alimentandosi del materiale organico sottostante. Mantenere i livelli di umidità tra il 45% e il 75% è fondamentale per il loro benessere. Alcune tecniche di controllo della temperatura possono essere utilizzate a seconda dell'ambiente circostante e della qualità del cibo fornito.

Le larve mature raggiungono la fase di prepupa e, durante la cosiddetta fase di "pellegrinaggio", lasciano il substrato per trovare un luogo adatto alla pupazione. Il loro raccolto può essere facilitato fornendo loro una rampa per uscire o semplicemente utilizzando un setaccio per separarle dal substrato non digerito. Le prepuppe o le pupe possono essere vendute direttamente o processate per ottenere prodotti finali, come mangimi o oli.


Mantenere una colonia di BSF è relativamente semplice, basta conservare alcune pupe e, dopo circa 15 giorni, gli adulti emergeranno per continuare il ciclo. Esistono numerose modalità per realizzare un allevamento di BSF, dalla scala domestica a quella industriale.


Con il loro alto potenziale economico e la tecnologia di kinsect, ci si aspetta che il BSF diventi il terzo insetto più economicamente rilevante al mondo, dopo l'ape e il baco da seta. La sua coltivazione potrebbe rappresentare una soluzione cruciale e sostenibile per la gestione dei rifiuti organici a livello globale.


Ricordate di seguirci per ulteriori articoli sulle soluzioni alimentari sostenibili e di unirvi alla conversazione utilizzando gli hashtag #InsectProtein #Sustainability #Environment #insectfarming #bsf #agrifood  #circulareconomy

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page