top of page
  • kinsectsrl

La normativa per la produzione e distribuzione di prodotti a base BSF #bsf

Aggiornamento: 4 ott 2023

La produzione e la distribuzione di prodotti a base di BSF utilizzati per la produzione alimentare attraverso i mangimi (ad esempio, pesce, uova, carne) sono regolamentate al fine di proteggere la salute umana e animale.

Altri mercati, attualmente più di nicchia, come i prodotti a base di BSF per applicazioni nell'industria cosmetica, dei biocarburanti e delle applicazioni biobased (ad esempio, chitina, bioplastiche) non hanno restrizioni o ne hanno di meno e quindi non vengono trattati ulteriormente in questa sede. L'obiettivo della regolamentazione è evitare che i contaminanti entrino nel sistema alimentare e produrre alimenti nutrienti e sicuri (Lähteenmäki-Uutela et al., 2021).

Parallelamente allo sviluppo del settore BSF, nell'ultimo decennio si è assistito all'attuazione o alla stesura di normative in tutto il mondo. In molte regioni, ciò è stato avviato o sostenuto dal mondo accademico, dalle aziende produttrici di BSF e dalle associazioni regionali di insetti, tra cui le seguenti:

  • Asian Food and Feed Insect Association (AFFIA)

  • Insect Protein Association of Australia (IPAA)

  • North American Coalition for Insect Agriculture (NACIA)

  • International Platform of Insects for Food and Feed (IPIFF)

  • Organizzazioni di produzione di mangimi.

A seconda del Paese, queste normative possono essere definite e applicate da vari enti normativi, tra cui quelli che si occupano di sicurezza alimentare, veterinaria, ambiente e agricoltura. Possono includere quanto segue:


  • Standard igienici per l'allevamento di insetti e la produzione di prodotti a base di insetti

  • Il tipo di insetto consentito per l'allevamento come mangime

  • La materia prima consentita per l'allevamento di larve di BSF come mangime

  • Metodi di lavorazione per i prodotti a base di BSF (es, determinati calore, tempo e pressione) e/o standard di qualità (ad esempio, concentrazione di metalli pesanti, micotossine e organismi microbici indicatori)

  • La forma dei prodotti a base di BSF che possono essere utilizzati per gli animali domestici e il bestiame

  • Il tipo di bestiame a cui possono essere somministrati i mangimi a base di BFSL

In generale, il settore della BSF ha accolto con favore l'istituzione di regolamenti perché possono dare una direzione chiara su come operare, anche se possono essere limitanti (ad esempio, per le materie prime, la limitazione a somministrare prodotti a base di BSF a determinati animali, il trattamento termico della cenere in Europa). Ciò è particolarmente importante per i progetti ad alta intensità di capitale e su scala industriale. Ottenere tutti i permessi può richiedere da alcune settimane a 9-18 mesi o più. Oltre a questi regolamenti specifici per la BSF, possono essere richieste altre licenze, tra cui la licenza commerciale generale, la licenza per la produzione di mangimi, la valutazione dell'impatto ambientale, l'HACCP, la licenza per le emissioni (ad esempio, acqua, acque reflue, CO2, NH4, particolato) e la licenza per il trasporto e il trattamento dei rifiuti.


Unione Europea - Quadro normativo:


La sicurezza alimentare e quindi la maggior parte delle normative relative all'allevamento delle larve di BSF e all'uso come mangime sono armonizzate in tutti i 27 Stati membri (IPIFF 2022). L'UE ha alcune delle normative più complete ma anche più severe. Le informazioni sui 26 regolamenti UE pertinenti sono disponibili nella Guida IPIFF sulle buone pratiche igieniche (IPIFF 2022). Per quanto riguarda le materie prime, le larve di BSF sono considerate animali da allevamento. Di conseguenza, possono essere allevate solo con materie prime certificate per l'alimentazione del bestiame e con sottoprodotti agroalimentari e pre-consumo tracciabili (compresi uova e latte, ma rigorosamente senza pesce o carne). Non sono ammessi i rifiuti alimentari (ad es. domestici, ristoranti, mense), i concimi, i fanghi delle acque reflue e i macelli.



Per quanto riguarda gli animali per i quali possono essere utilizzati prodotti a base di BSF, gli oli di larve di BSF possono essere utilizzati per nutrire tutti gli animali, compresi i ruminanti. La somministrazione di larve vive ai non ruminanti non è armonizzata in tutta l'UE e spetta agli enti locali che possono consentirla (ad esempio, i Paesi Bassi) o impedirla. Le farine proteiche rientrano nella legislazione delle proteine animali trasformate (PAP). La legislazione sulle TSE (encefalopatie spongiformi trasmissibili) (regolamento (CE) n. 999/2001) vieta l'uso di qualsiasi PAT se destinata all'alimentazione di ruminanti e animali da allevamento non ruminanti (esclusi gli animali da pelliccia). Tuttavia, una legislazione particolare ha consentito l'uso di farine proteiche di insetti (PAP di insetti) in acquacoltura (dal 2017, Regolamento (UE) 2017/893 che modifica l'allegato IV, sezione F, del Regolamento (CE) n. 999/2001) e per suini e pollame (dal 2021, Regolamento 2021/1372 che modifica l'allegato IV del Regolamento (CE) n. 999/2001). Di conseguenza, al momento della stesura del presente rapporto, le farine proteiche sono consentite come mangime per animali domestici, suini e pollame. L'UE dispone anche di un regolamento specifico per quanto riguarda la cenere. Essa può essere immessa sul mercato dell'UE solo dopo un trattamento termico a 70°C per un’ora.




Us and Canada - Quadro normativo:


La Food and Drug Administration (FDA) e l'Association of American Feed Control Officials (AAFCO) sono gli organismi più importanti per quanto riguarda le larve di BSF come mangime. Negli Stati Uniti, le normative sui mangimi sono applicate da funzionari statali e federali che forniscono competenze in materia di scienza animale, nutrizione animale, conformità delle etichette dei mangimi, operazioni sul campo per il personale ispettivo e amministrazione del programma. I membri dell'AAFCO non comprendono solo funzionari statali e federali degli Stati Uniti, ma sono cresciuti fino a includere membri internazionali come il Canada e il Costa Rica. L'AAFCO ha autorizzato l'uso di larve intere essiccate di BSF e di farine proteiche in acquacoltura per salmonidi come il salmone, la trota e il salmerino (Lähteenmäki-Uutela et al., 2021). Le larve di BSF possono essere allevate solo su materiali approvati per la produzione di mangimi (cioè approvati come generalmente riconosciuti come sicuri (GRAS)), compresi i rifiuti alimentari pre-consumo e altri sottoprodotti della produzione alimentare, come i cereali esausti dei produttori di birra. Diversi Stati autorizzano anche alimenti per animali domestici a base di insetti, mentre altri Stati attendono le decisioni dell'AAFCO e della FDA. Gli alimenti per animali domestici non devono rispettare tutte le normative AAFCO, in quanto non sono una fonte di nutrizione completa (Lähteenmäki-Uutela et al., 2021). Gli interessi dell'industria degli insetti in Nord America sono rappresentati dalla North American Coalition for Insect Agriculture (NACIA).


Australia - Quadro normativo:

L'Australia e la Nuova Zelanda non dispongono di una legislazione autonoma o di regolamenti governativi specifici sull'allevamento degli insetti, ma l'Insect Protein Association of Australia (IPAA) ha sviluppato delle linee guida per i suoi membri (Lähteenmäki-Uutela et al., 2021). I non membri dell'IPAA non sono vincolati dalle regole, che non sono ancora state rese disponibili al pubblico. Le larve di BSF possono essere utilizzate come mangime per l'acquacoltura in tutti gli Stati e come mangime per il pollame in NSW, ACT, Tasmania, Victoria e Western Australia. Gli insetti utilizzati come mangime non devono essere alimentati con carne, letame e rifiuti di cucina. Le larve di BSF vive e non trattate (a caldo) non sono consentite in Australia. In Australia, invece, gli alimenti per animali domestici sono autoregolamentati con standard industriali volontari della Pet Food Industry Association of Australia (PFIAA). In Australia, l'Insect Protein Association of Australia (IPAA) si batte affinché l'industria australiana degli insetti diventi un leader mondiale nel settore degli alimenti e dei mangimi.


Ricordatevi di seguirci per ulteriori articoli sulle soluzioni alimentari sostenibili e di partecipare alla conversazione utilizzando gli hashtag #InsectProtein #Sustainability #Environment.

8 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page