top of page
  • kinsectsrl

Dalla novità alla necessità: L'allevamento di insetti si affaccia sul futuro dell'agricoltura sostenibile. Parte 2°


Scalare l'allevamento di insetti: Le sfide finanziarie e operative di un'industria in crescita.

 

Gli investitori affrontano le sfide finanziarie mentre l'industria dell'allevamento di insetti si espande. Analizziamo i rischi, le opportunità e le strategie per il futuro.


Scalare l'allevamento di insetti presenta sfide uniche, sia finanziarie che operative. Scopri come le imprese stanno navigando attraverso questi ostacoli mentre cercano di espandersi in un settore in rapida crescita.


L'industria dell'allevamento di insetti sta vivendo una fase di crescita esplosiva, ma dietro questa crescita ci sono sfide finanziarie e operative significative. Dalla necessità di finanziamenti adeguati per costruire impianti su larga scala alla complessità dell'ingegneria biologica e delle operazioni di scala, le imprese si trovano ad affrontare una serie di ostacoli mentre cercano di realizzare il pieno potenziale di questa industria emergente.





Scalare l'allevamento di insetti: La lepre e la tartaruga


Una lezione che gli operatori del settore hanno imparato a proprie spese è che le cose "funzionano in modo diverso su scala, anche se hai fatto un sacco di lavoro per convalidare il tuo sistema", dice Emery.


"Potrebbe essere semplice come il contenuto d'acqua della materia prima sia diverso a seconda che si tratti di un carico di camion o di un carico di treno, quindi è intelligente andarci piano".


Nel frattempo, ciò che funziona in un luogo non è detto che si traduca perfettamente in un altro.


I vermi, per esempio, producono calore metabolico mentre digeriscono il cibo e, se non lo si dissipa, si crea un circolo di feedback che li rallenta, per cui la progettazione dei sistemi climatici può avere un impatto concreto sui raccolti.


"Abbiamo scelto intenzionalmente la nostra sede a Cashmere, Washington, per via del clima secco, così abbiamo potuto usare il raffreddamento evaporativo, che è molto più efficiente dal punto di vista energetico e ha il vantaggio di aggiungere anche un po' di umidità all'ambiente controllato, che è benefico per la crescita dei vermi della farina".


Ma aggiunge: "Il modo in cui abbiamo progettato i nostri sistemi di trattamento dell'aria, il nostro HVAC, non era il tipo di cosa che si sarebbe tradotta in un clima diverso con più umidità".


La corsa alla scalata dei volumi in questo settore ha messo sotto pressione le aziende.


Facendo un passo indietro, "la corsa alla scala in questo settore ha esercitato una forte pressione sulle aziende", sostiene Maye Walraven, direttore generale per gli Stati Uniti dell'azienda francese di insetticidi InnovaFeed, che ha collaborato con ADM per costruire un impianto da 60.000 tonnellate all'anno in collaborazione con un impianto di macinazione del mais a Decatur, nell'Illinois.

"Ma dobbiamo trovare un equilibrio tra la scalabilità più rapida possibile e la sicurezza che le scelte tecnologiche che stiamo facendo siano quelle giuste. Abbiamo scelto impianti di dimensioni piuttosto ambiziose, ma stiamo riducendo i rischi costruendoli per fasi".


Ad esempio, anche se InnovaFeed ha già costruito un impianto su larga scala a Nesle, in Francia, questo non significa che prenderà semplicemente quel modello e lo replicherà esattamente per il nuovo sito negli Stati Uniti.

"In luoghi diversi, anche le emissioni degli insetti possono essere diverse, quindi potrebbe essere necessario un progetto HVAC diverso. Allo stesso modo, se le materie prime sono più dense, potrebbe essere necessario un sistema di pompaggio diverso. Non si vuole spendere milioni per le pompe e poi doverle sostituire tutte".


In particolare, l'impianto francese di InnovaFeed utilizza come materia prima i sottoprodotti del grano provenienti da un impianto di lavorazione dell'amido di Tereos, mentre l'impianto statunitense utilizzerà i sottoprodotti del mais, spiega Walraven, che ha trascorso mesi a costruire un impianto pilota a Decatur che contribuirà a ridurre i rischi dell'impianto più grande.


"Quello che impareremo qui determinerà le dimensioni dello stabilimento che dovremo costruire. Se la resa è migliore, si può costruire uno stabilimento più piccolo e ridurre il CapEx a parità di produzione. Se la resa è significativamente più bassa [come risultato dell'utilizzo di materie prime diverse], è necessario più spazio per produrre la stessa quantità di proteine. Quindi, l'impianto pilota di Decatur è fondamentale per definire l'impronta dello stabilimento più grande".


In Francia, dice, "abbiamo iniziato con un impianto pilota nel 2017, poi nel 2020 abbiamo lanciato la prima fase della nostra fabbrica su larga scala, seguita dalla seconda fase all'inizio del 2023 e lanceremo l'ultima fase nell'estate di quest'anno. Prevediamo che alla fine del 2025 saremo alla nostra piena capacità di 15.000 tonnellate di farina proteica all'anno".


"Alcuni operatori hanno preso decisioni per impianti su scala più ampia basandosi su ipotesi che erano corrette su scala più piccola e si sono bruciati le dita. Se si tratta di una scala di container, cambiare una pompa non è un grosso problema. Se si tratta di una scala enorme, potrebbe costare centinaia di migliaia, se non milioni". Miha Pipan, cofondatore di Better Origin.





L'allevamento di insetti ha un senso commerciale solo su scala significativa?


Sebbene le economie siano sempre legate alla scala, la maggior parte degli operatori con cui abbiamo parlato prevede che emergerà una serie di modelli redditizi in diverse aree geografiche e con diversi partner.


Secondo Emery, "se si producono insetti da un container navale, non ci si allea con ADM, ma si potrebbe far parte di una piccola azienda agricola integrata che cerca di riciclare alcuni rifiuti in qualcosa che può essere utilizzato in un'altra parte della sua attività".


Qualche anno fa nel settore c'era un po' di postura del tipo "il nostro è più grande del vostro", che non è stata d'aiuto".


Better Origin sta collaborando con il rivenditore di generi alimentari britannico a integrazione verticale Morrisons per trasformare i rifiuti alimentari delle sue attività in farina proteica per i suoi polli ruspanti, utilizzando mosche soldato nere allevate in casse da trasporto, afferma il cofondatore Miha Pipan. "Non siamo particolarmente legati all'idea che ci sia bisogno di una scala massiccia per far funzionare le cose. Inoltre, il modo in cui facciamo le cose nel Regno Unito non si applica necessariamente al sud-est asiatico, per esempio".


Kees Aarts di Protix aggiunge: "Stiamo facendo un allevamento in ambiente controllato ad alta intensità, ma abbiamo anche progettato una soluzione CapEx che può essere implementata nella stalla di un allevatore di suini, dove forniremo le uova e prenderemo le larve per la lavorazione. I modelli saranno diversi nei vari mercati".


Per quanto riguarda l'economia unitaria, afferma Walraven di InnovaFeed, "abbiamo il potenziale per integrare diversi flussi per il nostro mangime a base di insetti che attualmente sono considerati rifiuti, il che migliorerebbe significativamente i nostri costi, ma ci sono ancora alcune sfide normative che dobbiamo prima superare".


"Pensiamo inoltre di poter aumentare il nostro fatturato dimostrando meglio alcune proprietà dei nostri ingredienti. Per esempio, dopo aver somministrato i nostri ingredienti ai gamberi, abbiamo visto risultati incredibili in termini di prestazioni, abbiamo migliorato il tasso di conversione del mangime del 30% e diminuito la mortalità del 40%. Ma queste cose richiedono molto tempo per essere trasformate in affermazioni e dimostrate più volte".


Agricoltura di insetti su larga scala: "Deve essere automatizzata e guidata dai dati”


Per molti versi, afferma Mohammed Ashour, cofondatore di Aspire Food Group, l'allevamento di insetti "rappresenta il caso più ideale di agricoltura verticale". Si tratta di una serie di scatole con cibo e acqua sufficienti a sostenere una certa popolazione. Si mette la scatola di grilli su uno scaffale e non la si deve più toccare per 30 giorni. Utilizziamo poi un sistema di stoccaggio e prelievo automatico come un magazzino Amazon. Nell'intero impianto [da 12.000 tonnellate] sono necessari solo 13-15 operatori a turno".

L'allevamento di insetti su scala "deve essere automatizzato e guidato dai dati", aggiunge Marc Bolard, cofondatore e CEO di Nasekomo, una startup bulgara che collabora con il gigante tecnologico Siemens per creare un sistema standardizzato di bioconversione degli insetti. "È un processo biologico con milioni di correlazioni, interazioni e dipendenze tra gli animali e il loro ambiente. Quindi stiamo parlando di raccolta dati, trasporto dati, archiviazione dati, sicurezza dati e capacità di analizzare e imparare da questi dati".

Alla Protix, dice Aarts, "non appena pensiamo che un lavoro sia ripetitivo o che possiamo controllarlo meglio, ridurre il tasso di fallimento, identificare gli outlier, migliorare il processo di base e ridurre la variabilità, lo automatizziamo. In questo modo siamo riusciti ad aumentare la produzione, la qualità e a ridurre i costi. Ma ci confrontiamo costantemente su quale sia il giusto livello di automazione e quale il giusto livello di controllo".


Kinsect: "Tutto inizia con un allevamento efficiente”.


Oggi ci sono probabilmente circa 1.000 aziende in questo seettore, dalle startup alle società, che hanno raccolto fondi significativi per scalare. Naturalmente non tutte sopravviveranno, ma si può almeno immaginare che ogni Paese abbia bisogno di uno o 100 allevamenti di insetti, a seconda delle richieste del mercato locale, e noi li serviremo".

Che si tratti di polli o di mosche soldato nere, dice, "non si possono allevare senza assicurarsi una produzione di uova costante”.

Stiamo assistendo all'ingresso di grandi aziende tradizionali in questo settore, sia che si tratti di una catena di supermercati che cerca di soddisfare i propri requisiti di gestione dei rifiuti, sia che si tratti di un'azienda di gestione dei rifiuti che vuole una soluzione alternativa per il trattamento dei rifiuti alimentari, sia che si tratti di un'azienda alimentare che vuole trovare una soluzione per i propri sottoprodotti e una nuova fonte di proteine". Giacomo Benassi, cofondatore di Kinsect.


La biologia è un collo di bottiglia di questa industria


Sebbene l'integrazione verticale (che combina l'allevamento, la riproduzione e la lavorazione in un unico sito) possa sembrare efficiente, l'allevamento e la riproduzione degli insetti richiedono competenze molto diverse, spiega FreezeM, che ha sviluppato una tecnologia per indurre i neonati di BSFL in uno stato di "animazione sospesa" collocandoli su un substrato non rivelato.

Vengono poi spediti a temperatura ambiente agli allevatori di insetti, che li "attivano" nutrendoli, e hanno scoperto che i neonati "in pausa" forniscono rese costantemente superiori rispetto alle loro controparti normali, una volta che iniziano a nutrirsi.


Vedremo un graduale spostamento e non è detto vinca l’approccio verticalmente integrato


Se si guarda ad altri settori agricoli consolidati, sono tutti segmentati, perché man mano che l'industria matura è necessario avere una specializzazione in ogni parte della catena di approvvigionamento. L'allevamento di insetti richiede conoscenze di entomologia, biologia e biotecnologia aggiunge Giacomo Benassi. Lo stesso vale per altre forme di agricoltura, dove ci sono aziende specializzate nell'allevamento, nella genetica e nelle sementi, e poi aziende che si concentrano sull'agricoltura.


"Ma nell'agricoltura degli insetti, quasi tutti sono integrati verticalmente e devono affrontare le stesse sfide quando vogliono crescere. Abbiamo quindi deciso di concentrarci sulla biologia, che consideriamo il principale collo di bottiglia di questo settore, e di consentire ad altri di svolgere l'attività agricola in modo efficiente".

Aggiunge: "C'è già una grande spinta da parte del mercato e credo che vedremo un graduale spostamento dall'approccio verticalmente integrato che le prime aziende del mercato hanno adottato. La tendenza a costruire il nuovo impianto per insetti più grande sta finendo e tutti si concentrano sulla dimostrazione di ricavi e redditività. Possiamo risparmiare alle aziende produttrici di insetti tutte le seccature, i rischi e i costi di investimento legati alla creazione dei loro centri di allevamento".

Sebbene i siti di allevamento di insetti di prima generazione abbiano operazioni di allevamento integrate, la situazione è destinata a cambiare. "Quando stanno cercando di aprire nuovi siti, possiamo aiutarli a scalare più velocemente e in modo più efficiente. Possono anche gestire un modello ibrido in cui hanno la loro colonia, ma possono tamponare la loro produzione lavorando con noi”.




Fonte:



Join the conversation on insect farming and its fight against hunger, poverty, and malnutrition. Use hashtags #InsectFarming #FoodSecurity #PovertyEradication #GlobalNutrition #SustainableDevelopment to make your voice heard in this mission for positive change.

0 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page