top of page
  • kinsectsrl

Come funziona un impianto di produzione per la mosca soldato?

La mosca soldato nera (BSF), Hermetia illucens, è una mosca tropicale utilizzata per la bioconversione di rifiuti e sottoprodotti biologici in prodotti di alto valore e commerciabili. Negli ultimi decenni si è assistito all'ingegnerizzazione del ciclo di vita naturale della mosca in impianti commerciali.

Questi impianti possono variare da strutture di base completamente manuali per piccoli agricoltori che trattano poche centinaia di tonnellate di materie prime all'anno a strutture completamente automatizzate e climatizzate di 50.000 m2 che trattano 70.000 tonnellate di materie prime all'ann


In particolare, gli impianti più grandi devono essere progettati e costruiti seguendo un rigoroso processo di ingegneria basato sulla materia prima disponibile, sul tipo di prodotto e sul mercato.

Negli ultimi anni sono entrati nel mercato molti fornitori di tecnologie, e di servizi in grado di supportare questa attività. Nel 2022 sono state mappate 121 aziende di BSF in tutto il mondo.

I modelli di business si basano sull'allevamento su piccola scala, sulla produzione di ingredienti di alta qualità per i mercati degli animali da compagnia e da reddito (ad esempio pollame, suini, acquacoltura), sulla gestione dei rifiuti, sulla genetica e sulla vendita di giovani larve o sulla produzione di prodotti di valore superiore.

Attualmente, i mercati degli animali da compagnia e da allevamento sono i maggiori acquirenti di prodotti larvali, che vengono utilizzati vivi, congelati, essiccati, come farina proteica o come grasso nelle diete degli animali domestici e da allevamento. Recentemente si stanno studiando anche prodotti più pregiati a base di chitina, grassi e melanina da utilizzare nei mercati tecnici, farmaceutici e cosmetici.

Oggi gli impainti per l’allellevamento della mosca soldato BSF vengono creati principalmente per lo smaltimento di sottoprodotti agroalimentari, in quanto forniscono elevate prestazioni di allevamento larvale, un prodotto affidabile e soddisfano i più elevati standard legali.

Gli impianti BSF accelerano e controllano il ciclo di vita naturale della mosca per elaborare i rifiuti e produrre prodotti commerciabili.

Un sistema BSF può essere suddiviso in sei diverse unità:


1) preparazione della materia prima

2) dosaggio/carico e allevamento (giovani larve fino al raccolto),

3) Allevamento con nursery, la fase coperta dal processo automatizzato da Kinsect,

4) la raccolta dei prodotti, larve e frass post-trattamento

5) stoccaggio e logistica in uscita

6) processi ausiliari

In genere, tutte le unità sono racchiuse in uno o più edifici. Nei climi temperati, di solito si tratta di un edificio completamente chiuso con sezioni climatizzate dotate di un sistema HVAC (riscaldamento, ventilazione, condizionamento).

Delle 6 fasi elencate, la fase di nursery è la più complessa e rappresenta un fattore chiave per la produttività dell'impianto. In questa fase, le mosche si accoppiano e vengono prodotte le larve, che vengono poi ingrassate o reimmesse nel ciclo.

L'affidabilità del trattamento dei rifiuti o della produzione di farine proteiche richiede una fornitura costante di giovani larve (in genere 5DOL).

Questi giovani insetti sono forniti dall'unità di allevamento e dalla nursery. Nell'unità di allevamento, la prole larvale è tipicamente alimentata con mangimi omogenei e nutrienti (ad esempio mangime per polli, miscela di okara, grano, mais, crusca di riso, farina di palmisto, grani di birra esausti) fino allo stadio prepupale.

Oggi l'impupamento è generalmente ottenuto con processi manuali in uno dei seguenti modi:


- In una gabbia scura separata

- direttamente nella gabbia per mosche


Le gabbie per mosche sono disponibili in diverse dimensioni e forme e possono essere acquistate o fabbricate, poiché non esiste uno standard di mercato.

Nella gabbia, in condizioni di luce naturale o di specifici spettri di luce artificiale come nel caso della tecnologia Kinsect, le BSF si accoppiano e le femmine di BSF depongono le uova su oggetti dedicati (detti anche eggies) che possono essere facilmente raccolti dagli operatori, o da un braccio robotico se la struttura dispone di raccoglitori adatti e di un sufficiente livello di automazione come nel caso del sistema proposto da kinsect.

Le BSF trovano queste uova perché sono posizionate vicino a un attrattivo che attira le femmine di BSF a deporre le uova nelle vicinanze. Questo attrattivo liquido consiste solitamente in una miscela di diversi materiali odorosi/decadenti, come frutta in fermentazione, mosche morte o cenere.

Le uova raccolte vengono solitamente collocate in una stanza climatizzata o in un'incubatrice separata. Entro due-quattro giorni emergono le larve appena schiuse (chiamate anche neonati). Le uova sono spesso collocate sopra un alimento omogeneo e altamente nutriente. In questo modo, le giovani larve cadono direttamente in un alimento umido e vengono contate manualmente in base al peso o automaticamente dopo cinque giorni.

Dopo il conteggio, le larve vengono dosate in base al peso/numero in casse/scatole di allevamento o utilizzate nuovamente nell'unità di riproduzione per produrre nuove mosche. In alternativa, le uova si schiudono sopra un contenitore/funnel vuoto e vengono contate. In una insect farm efficiente, solo l'1,5-3% delle giovani larve viene utilizzato per il mantenimento della nursery (tasso di recupero) e il 97-98,5% viene utilizzato per l'allevamento (Dortmans et al., 2021). Il tasso di recupero è uno degli indicatori più importanti di una nursery BSF e determina l'efficienza dell'operazione. Per valutare il tasso di recupero, è necessario adottare misure per rilevare e determinare i tassi di sopravvivenza e mortalità delle diverse fasi dell'allevamento.

Con la promessa di produrre mangimi sostenibili e persino proteine per uso umano, l'allevamento di insetti è un settore in rapida espansione.

Entro il 2030, si prevede che il mercato delle proteine degli insetti avrà un valore di 7,96 miliardi di dollari, con un tasso di espansione del 27,8% all'anno. Per raggiungere questa espansione, il settore deve capire come aumentare il volume di proteine di insetti prodotte. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per aumentare la produzione di proteine di insetti:

Molti produttori di proteine di insetti di successo danno molta importanza alla sostenibilità e alla tutela dell'ambiente. Per esempio, le larve della mosca soldato nera sono utilizzate per trasformare i rifiuti organici in proteine di alta qualità, riducendo al contempo i rifiuti e le emissioni di gas serra.


Ricordatevi di seguirci per ulteriori articoli sulle soluzioni alimentari sostenibili e di partecipare alla conversazione utilizzando gli hashtag #InsectProtein#Sustainability#Environment.

24 visualizzazioni0 commenti

تعليقات


bottom of page