top of page
  • kinsectsrl

Insetti nella dieta dei pesci: una svolta per la sostenibilità dell'alimentazione animale


L’alimentazione animale ha subito una trasformazione significativa alla luce della crescente consapevolezza sull'impatto ambientale dell'industria alimentare. Con il rapido aumento della richiesta di pesce per il consumo umano e l'acquacoltura che fornisce una percentuale significativa di tale approvvigionamento, si è manifestata l'esigenza di alternative sostenibili per la produzione di mangimi.

L'impiego tradizionale di farina di pesce, ricavata da piccoli pesci marini selvatici, come componente fondamentale nei mangimi per animali come suini, pollame e pesci d'allevamento, ha creato una pressione insostenibile sulle risorse ittiche marine. Il costante esaurimento delle scorte ittiche selvatiche ha reso la farina di pesce sempre più scarsa e costosa, spingendo l'industria a cercare fonti alternative.





Nel corso degli anni, l'acquacoltura è cresciuta significativamente come fonte di approvvigionamento di pesce per il consumo umano. Risalendo al 1974, questa pratica forniva solamente il 7% del pesce destinato al consumo umano, mentre nel 2014 tale quota è aumentata raggiungendo il 44% (FAO 2016b).


Una parte consistente della produzione totale di pesce del 2014, circa il 10%, è stata utilizzata per produrre farina di pesce e olio di pesce. La farina di pesce, ricavata da piccoli pesci marini selvatici contenenti una percentuale elevata di ossa e olio, è comunemente considerata inadatta al consumo umano diretto ma rappresenta un componente di alta qualità nell'alimentazione di suini, pollame e nell’acquacoltura.


Tuttavia, la crescente scarsità e l'aumento dei costi della farina di pesce sono il risultato dell'eccessivo sfruttamento delle riserve ittiche selvatiche, con oltre il 30% delle scorte di pesce nel 2013 (FAO 2016b). Questa situazione ha spinto il settore avicolo a ridurre l'uso della farina di pesce dal 60% al 12% tra il 1988 e il 2010, mentre il settore dell'acquacoltura ha aumentato il suo utilizzo dal 10% al 56% nello stesso periodo (Olsen e Hasan 2012; Msangi et al. 2013).


La ricerca di alternative sostenibili ha portato all'esplorazione di fonti proteiche alternative senza gli svantaggi delle fonti vegetali, come la presenza di fattori anti-nutrizionali e un contenuto proteico inferiore. In particolare, alcune specie di insetti, come il black soldier fly (Hermetia illucens) sembrano offrire interessanti prospettive. Test condotti con il salmone atlantico hanno dimostrato che la sostituzione completa della farina di pesce con insetti non ha avuto effetti negativi sulla crescita, sulle caratteristiche organolettiche e sulla consistenza del pesce (Lock et al. 2015).

Analogamente, la farina derivata dal black soldier fly rappresenta una fonte proteica adatta per diverse specie di pesci d'allevamento come il pesce gatto africano Clarias gariepinus e il tilapia blu Oreochromis aureus (Adeniyi e Folorunsho 2015; Anvo et al. 2016; Bondari e Sheppard 1987).


Questa transizione verso l'uso degli insetti come fonte proteica alternativa non è priva di sfide. La diminuzione della concentrazione di acidi grassi omega-3 a catena lunga nei mangimi a base di insetti potrebbe richiedere un loro reintegro nella dieta dei pesci per garantire un profilo nutrizionale completo.


Tuttavia, l'inserimento degli insetti nelle diete dei pesci rappresenta un passo significativo verso una produzione di mangimi più sostenibile e rispettosa delle risorse marine. Ciò potrebbe ridurre la pressione sull'esaurimento delle risorse ittiche selvatiche, consentendo al contempo di mantenere un'industria ittica prospera e sostenibile.


L'utilizzo crescente di insetti come alternativa alla farina di pesce potrebbe rivoluzionare l'acquacoltura, offrendo una soluzione più sostenibile e adattabile alle esigenze future dell'alimentazione animale.


L'introduzione di insetti nelle diete dei pesci rappresenta un'innovazione promettente nell'ambito dell'alimentazione animale, indicando una via verso un settore più sostenibile e rispettoso dell'ambiente.


Ricordate di seguirci per ulteriori articoli sulle soluzioni alimentari sostenibili e di unirvi alla conversazione utilizzando gli hashtag #InsectProtein #Sustainability #Environment #insectfarming #bsf #agrifood  #circulareconomy

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page