top of page
  • kinsectsrl

Una soluzione naturale al problema dello spreco alimentare #bsf #waste #circulareconomy

La mosca soldato nera (BSF), scientificamente nota come Hermetia illucens, è una mosca tropicale che sta guadagnando attenzione nel mondo della gestione dei rifiuti. Viene utilizzata per convertire i rifiuti biologici in prodotti di alto valore che possono essere venduti sul mercato. Recentemente sono stati compiuti sforzi per modificare il ciclo di vita naturale della mosca nelle strutture commerciali.




Contenuto:

  1. Il problema globale dei rifiuti alimentari, comprese le statistiche del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP).

  2. Spiegazione di come la tecnologia BSF promuove la gestione circolare dei rifiuti e la sostenibilità.

  3. La proposta di valore della mosca soldato nera, compresa la sua efficienza nell'eliminazione dei rifiuti e nella produzione di prodotti sostenibili.

  4. Sfide e opportunità associate alla tecnologia BSF, il suo potenziale di trasformazione dell'industria dei mangimi e il suo contributo alla mitigazione dell'impatto ambientale di settori come quello dell'olio di palma.


La mosca soldato nera (BSF), Hermetia illucens, è una mosca tropicale utilizzata per la bioconversione di rifiuti biologici e sottoprodotti in prodotti commerciabili e di alto valore. Negli ultimi decenni si è assistito all'ingegnerizzazione del ciclo di vita naturale della mosca in impianti commerciali.


I sistemi alimentari globali hanno un profondo impatto sulla salute umana e planetaria. Oltre agli impatti legati alla produzione, lo spreco alimentare comporta lo spreco di risorse, la creazione di rischi per la salute e persino la produzione di emissioni di gas serra.


Oggi lo spreco alimentare globale è una sfida più grande che mai: il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) indica che un terzo di tutto il cibo prodotto a livello globale viene perso o sprecato, per un totale di 1 miliardo di tonnellate di rifiuti alimentari all'anno.


In risposta alla crescente necessità di smaltimento dei rifiuti organici, sono emerse diverse nuove tecnologie che cercano di implementare pratiche di gestione dei rifiuti sostenibili.


La BSF è una di queste tecnologie che promuove la gestione circolare dei rifiuti riutilizzando i rifiuti organici in materie prime e cibo per animali domestici, entrambi prodotti storicamente attraverso pratiche agricole su larga scala, poco efficienti dal punto di vista delle risorse e degradanti per l'ambiente.


Agendo come mezzo per eliminare in modo efficiente i rifiuti e produrre in modo sostenibile prodotti che evitano le emissioni legate alla produzione, il BSF presenta una duplice proposta di valore.


Tuttavia, oggi gli impianti BSF sono per lo più destinati alla produzione di prodotti agroalimentari omogenei e di alto valore, in quanto offrono la massima efficienza e affidabilità nella produzione di larve.


Tuttavia, spesso hanno un costo, faticano a trovare una fornitura stabile di scarti di alta qualità e hanno usi concorrenti. Per scalare e avere un impatto sul sistema alimentare e dei mangimi globale, è necessario prendere sempre più in considerazione una varietà di materie prime, come i rifiuti alimentari o i fertilizzanti, compresi i materiali inorganici. Sono più impegnativi in termini di funzionamento, qualità del prodotto, legislazione e sicurezza alimentare, ma sono disponibili in abbondanza e hanno il potenziale per fornire una serie di benefici sociali e ambientali.


Attualmente, la maggior parte dei rifiuti solidi urbani nei Paesi in via di sviluppo è di origine organica (oltre il 50%). Le pratiche agroindustriali esistenti in questi Paesi in via di sviluppo contribuiscono all'accumulo dei rifiuti nelle discariche, creando una fonte significativa di emissioni di metano.


Una delle maggiori industrie agricole dei Paesi in via di sviluppo, quella dei mangimi, ha una catena di approvvigionamento altamente insostenibile.


Ad esempio, i mangimi per pesci e gli alimenti per animali domestici si basano in gran parte su fonti proteiche animali non sostenibili. Per produrre 1 kg di pesce d'acquacoltura occorrono in media 2 kg di pesce selvatico.


Con la scarsa disponibilità di fertilizzanti organici, molti Paesi in via di sviluppo si affidano anche a fertilizzanti importati, che non hanno effetti positivi sul suolo a lungo termine. Queste sfide, unite alla necessità di manodopera poco o mediamente qualificata in regioni in via di sviluppo come l'Africa orientale, creano l'opportunità di innovare nuove pratiche di gestione sostenibile dei rifiuti che offrono occupazione e benessere alle comunità.


L’BSF può essere impiegata ad esempio per ridurre l’impatto dell'industria dell'olio di palma, che fornisce una varietà di prodotti commerciali, crea grandi quantità di rifiuti organici, che emettono metano quando giacciono in massa. La BSF potrebbe essere un'alternativa per ridurre le emissioni a livello locale.


Dal punto di vista dell'impatto, ci sono due ragioni principali per investire in un'azienda di BSF:


  • Trattare i rifiuti con un impatto ambientale inferiore rispetto alle alternative di trattamento come la discarica (non gestita), il compostaggio, l'incenerimento/combustione a cielo aperto, ecc.

  • Produrre prodotti a base di insetti più sostenibili rispetto agli attuali parametri di riferimento.


Ricordatevi di seguirci per ulteriori articoli sulle soluzioni alimentari sostenibili e di partecipare alla conversazione utilizzando gli hashtag #InsectProtein #Sustainability #Environment.

2 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page